Eccomi rientrata (mio malgrado) dalla mia ultima esperienza di viaggio in Polinesia!
Appena arrivata a Tahiti avevo sensazioni contrastanti. Un po’ mi sentivo di essere “a casa”: tornandoci per la terza volta ormai sento di conoscere le isole e anche gli abitanti, ma sentivo anche quel pizzicorino nello stomaco che precede una bella e sempre nuova avventura!
Questa volta ho viaggiato nel mese di Marzo, ovvero durante la loro estate, sì, perché le stagioni in Polinesia sono invertite rispetto alle nostre; da fine Novembre ad Aprile circa in Polinesia è estate, si ha luce fino al tardo pomeriggio, tantissima frutta e fiori profumatissimi dappertutto. Certo, si ha però un pochino di caldo in più e qualche rischio di acquazzone improvviso. Durante le settimane che ho passato lì ho trovato un bel sole e qualche momento di breve temporale: una cosa che ho imparato è che le escursioni è sempre meglio programmarle durante la mattinata, perché è più probabile che il tempo si guasti nel pomeriggio. Ad ogni modo qualche pioggerella non mi ha disturbata, anzi, ha fatto riposare la mia pelle chiarissima dal sole tropicale!

La gente polinesiana è strepitosa e non parlo solo di chi si occupa di turismo locale, ma delle persone che vivono nelle isole. Avevo l’auto a noleggio, viaggiavo da sola per la maggior parte del tempo e ho uno scarsissimo senso dell’orientamento. Qualche volta mi sono persa ed ho avuto bisogno di chiedere indicazioni, beh, mi hanno sempre aiutata e l’hanno sempre fatto con il sorriso di chi il senso dell’accoglienza ce l’ha nel cuore.

Huahine – Polinesia Francese

Parliamo ora delle isole che ho visitato questa volta, che sono state: Huahine, Bora Bora, Moorea e Tahiti. Tutte isole dell’Arcipelago della Società verdeggianti e poco distanti tra loro (al massimo 40 minuti di volo), ma tutte con una propria identità e con delle caratteristiche molto diverse.

Huahine Moana Lodge – Polinesia Francese

Huahine

è un’isola che ricorderò con affetto perché nonostante le poche strade, mi ha permesso di perdermi…Probabilmente perché ad ogni insenatura mi fermavo ad ammirare a bocca aperta i suoi colori senza prestare attenzione ai punti cardinali e a dove dovessi andare. D’altronde sfido chiunque a guidare tra le sue strade senza pensare che quello sia davvero il paradiso in terra: Huahine si sviluppa in 2 principali isole unite da un ponte, sulle strade si susseguono morbide salite e discese e ad ogni angolo si scorgono montagne smeraldo, tratti di laguna azzurrissimi  e spiagge di sabbia bianca dove ci si può immaginare a sorseggiare una Hinano (birra bionda locale) in compagnia della propria dolce metà!

 

Moorea

Ho volato poi su Moorea, dove è sempre un piacere tornare: a mio parere è infatti un’isola davvero meravigliosa. Combina il suo spettacolare interno-isola verdissimo, montuoso e ricco di sorprese a panorami inaspettati con la sua laguna ricca di vita marina e davvero cristallina. Il modo migliore per poter CONOSCERE Moorea è quello di programmare un’escursione nel suo interno ed un’uscita per poter fare snorkeling; nello specifico io ho passato una splendida mattinata in allegria con SAFARI MARIO, che mi ha portata all’avventura con il suo 4×4 tra le strade sterrate e le piantagioni di ananas (non me le immaginavo così estese!); e un’altra mattinata in compagnia di Maui e Corallina Tour per poter nuotare con le razze, gli squaletti pinna nera e le tartarughe…Davvero due esperienze che porterò sempre nel cuore!

Arianna a Moorea nelle piantagioni vaniglia

Una bella auto a noleggio può servire, in alcune isole, per sentirsi ancora più a contatto con la destinazione: io la consiglio assolutamente sia a Moorea sia a Huahine, per poter gironzolare in libertà e poter vedere angoli e spiagge che altrimenti non si potrebbero nemmeno sognare di trovare. Un’auto, uno zainetto con l’indispensabile ed una maschera per lo snorkeling potrebbero darvi tantissime soddisfazioni!

Bora Bora

Forse si tratta, più di ogni altra, dell’isola polinesiana che viene odiata o amata alla follia: chi dice che sia “troppo turistica” e chi invece sostiene sia il “sogno della vita”. La mia personale opinione è che Bora Bora sia davvero una perla rara: i colori della sua laguna sono davvero formati da tonalità di azzurro che difficilmente si possono descrivere. Ho fatto delle fotografie all’aeroporto dell’isola (laddove ci si immagina dovrebbe esserci maggior traffico e sporcizia) perché non credevo ai miei occhi: un azzurro acceso, quasi fluorescente della laguna pulitissima e cristallina con il motu (isolotto) dove è posizionato l’aeroporto verde e ricco di palme… Quasi non mi aspettavo di veder spuntare un ATR della Air Tahiti all’orizzonte!

Vista dall'aeroporto di Bora Bora

Vista dall’aeroporto di Bora Bora

L’interno isola è tutto tranne che “turistico”, nel senso che ha sì qualche snack bar o ristorantino in più rispetto ad altre isole, ma comunque parliamo di 1 sola strada che fa il giro dell’isola e qualche hotel o pensioncina sparsi qua e là. Se poi andiamo a considerare i motu che contornano la laguna di Bora Bora, allora possiamo parlare di grandi resort. Ho visitato tutti gli hotel dell’isola nel corso di questi ultimi 10 anni, e devo dire che la vista che si ha dai motu sull’isola principale è impagabile, anche se di sicuro c’è da spendere un po’ di più!

Tahiti

Quando poi sono rientrata a Tahiti, nello specifico nella capitale di Papeete, un po’ mi è sembrato di aver iniziato il mio viaggio di ritorno verso casa: la città ricorda le nostre città, c’è traffico e ci sono tantissimi negozi o ristoranti, basta però uscire da Papeete per ritrovare di nuovo montagne rigogliose, cascate e spiagge di sabbia nera che si possono vedere sono nei film!

Perchè scegliere la Polinesia Francese e Kia Ora Viaggi per il vostro prossimo viaggio

La Polinesia Francese è una destinazione adatta davvero a tutti: basta solo scegliere con cura dove alloggiare e quali isole visitare. Di sicuro non ci si annoia mai, al massimo si decide di dedicarsi al relax ma da fare e da vedere ce n’è sempre!

Noi di Kia Ora Viaggi non ci limitiamo a vendere un prodotto di qualità, ma vi consigliamo dove poter andare per vivere appieno “il viaggio della vita” accogliendo i vostri desideri e ascoltando i vostri sogni.
La Polinesia infatti non è una destinazione di viaggio ma LA destinazione per un viaggio unico, emozionante e che può farvi rientrare più ricchi nell’animo e appagati da tantissime esperienze straordinarie.
Il nostro lavoro è quello di occuparci dei dettagli, in modo tale che possiate assaporare tutto quello che la Polinesia ha da offrire… Vi aspettiamo numerosi!
Mauruuru Roa a tutti!

Arianna in Polinesia Francese - Kia Ora Viaggi

Arianna – Kia Ora Viaggi

Se il mio viaggio vi ha incuriosito e pensate di volerne programmare uno anche voi…contattateci o richiedete un preventivo personalizzato!