Scopri la Tanzania e Zanzibar

La Tanzania è una delle mete migliori per gli appassionati di animali e di safari. È famosa per la Grande Migrazione di gnu e zebre nel Parco Serengeti: uno spostamento annuale di milioni di esemplari di ungulati spinti dalla ricerca di acqua e cibo, e contemporaneamente impegnati nella lotta alla sopravvivenza contro siccità e temibili predatori.

La Tanzania dei parchi e delle aree di conservazione comprende anche paesaggi unici come quello del Cratere di Ngorongoro, i resti di un antico vulcano nella cui caldera vivono oltre 25.000 esemplari di grandi animali, e i laghi Manyara e Natron prediletti dai fenicotteri rosa e non solo.

Zanzibar è l’estensione mare ideale da abbinare ai safari. Chiamata anche l’isola delle spezie per la mescolanza di influenze africane, arabe, indiane e europee, è rinomata per le bellissime spiagge di sabbia bianca e fine e per le acque cristalline che lambiscono le sue coste, ideali per lo snorkeling e le immersioni.

Le nostre proposte: 

Tour di gruppo di massimo 6 partecipanti a date di partenza fisse, con guida in lingua italiana.

Tarangire, Ngorongoro e Serengeti (5 notti): Ideale da Giugno ad Ottobre.
Breve tour alla scoperta di paesaggi unici, dai grandi baobab del parco Tarangire alle viste mozzafiato del cratere Ngorongoro, per finire con lo spettacolo più iconico che la Tanzania può offrire: la grande migrazione di gnu e zebre nel nord Serengeti.

La Grande Migrazione nel Nord del Serengeti (6 notti): Consigliato a Luglio ed Agosto.
Un viaggio entusiasmante attraverso il Tarangire, detto “parco dei giganti” per la presenza di grandi mandrie e baobab, salendo poi al Cratere di Ngorongoro per ammirare gli animali che vivono all’interno della caldera ed infine trascorrere due notti al Serengeti per assistere all’imponente migrazione di gnu e zebre.

La Grande Migrazione nel Nord del Serengeti e il Lake Natron (7 notti): Tour possibile da Luglio a Settembre.
Un tour completo alla scoperta del parchi Tarangire e Serengeti e del Cratere di Ngorongoro. Una breve tappa al lago Natron vi porterà in un paesaggio aspro, quasi lunare, frequentato da moltissimi fenicotteri rosa nella stagione secca, da giugno ad ottobre.

Contattaci e troverai il viaggio perfetto per te!

Perché scegliere Kia Ora Viaggi?

Siamo un tour operator specializzato in viaggi personalizzati.

Conosciamo in prima persona le destinazioni della nostra programmazione e torniamo a visitarle per rinnovare le nostre competenze specifiche.

Organizziamo i viaggi in contatto diretto con fornitori esteri accuratamente selezionati e le migliori compagnie aeree di linea.
Affidandoti a noi avrai il vantaggio di essere seguito da degli specialisti: otterrai così un alto livello di consulenza e il miglior rapporto qualità-prezzo.

INFORMAZIONI PRATICHE
per viaggiare in Tanzania

CLIMA, QUANDO ANDARE

La Tanzania si trova pochi gradi a Sud dell’Equatore e ha un clima tropicale, influenzato soprattutto dall’altitudine.

La principale stagione piovosa (masika in kiswahili) coincide con i mesi di aprile e maggio. È caratterizzata da abbondanti rovesci (soprattutto al pomeriggio), più regolari sulla costa che nell’interno.

Il periodo da giugno a ottobre è il più asciutto in assoluto; le temperature sono più “fresche” che durante il resto dell’anno e sulle isole e lungo la costa soffia il kusi, il vento da Sud. La lunga stagione asciutta è seguita dallo mvuli, il periodo delle piccole piogge che cadono solitamente tra metà novembre e i primi di dicembre, durante il quale le precipitazioni sono di bassa entità e meno regolari che durante il masika.

Il periodo delle piccole piogge è seguito da un’altra stagione asciutta che va da fine dicembre a fine marzo. Questo periodo è caratterizzato da temperature più elevate rispetto a quelle del periodo giugno-ottobre e da qualche sporadica precipitazione.

DOCUMENTI NECESSARI

Necessario il passaporto con validità residua 6 mesi.

Visto: per i cittadini UE è possibile fare domanda per il visto online sul sito www.immigration.go.tz. Si riceve risposta in 2/3 giorni e si stampa la mail portandola con sé.

Il visto è anche ottenibile all’arrivo agli aeroporti Kilimanjaro, Dar es Salaam, Zanzibar e alla frontiera terrestre di Namanga, sotto la sola ed esclusiva responsabilità del viaggiatore circa l’ottenimento del permesso di ingresso nel Paese. Occorre essere in possesso del passaporto originale con 6 mesi di validità residua e 2 pagine libere. Non occorrono foto. Il costo è di US$ 50 a persona (recenti, recanti data di emissione successiva al 2006, solo banconote prive di graffi e abrasioni).

I viaggiatori di altre nazionalità devono verificare preventivamente e attentamente, anche attraverso le sedi consolari competenti, l’eventuale necessità di visto di ingresso per la Tanzania e/o in tutti i paesi interessati dall’itinerario di volo (anche se solo per uno scalo aereo).

LINGUE PARLATE

La lingua ufficiale della Tanzania è, insieme all’inglese, il kiswahili (swahili).

FUSO ORARIO

La Tanzania si trova +2 ore rispetto all’Italia; +1 ora quando in Italia c’è l’ora legale.

SALUTE & VACCINAZIONI

Nessuna vaccinazione è obbligatoria per chi arriva dall’Europa. Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto esclusivamente ai viaggiatori che hanno soggiornato per più di 12 ore in un paese a rischio (la maggioranza dei paesi africani e alcuni paesi sudamericani e asiatici sono considerati a rischio dalle autorità tanzaniane) e non è richiesto a coloro che hanno effettuato soltanto uno scalo di poche ore per cambio aeromobile in un aeroporto africano.

È ufficialmente consigliata a scopo cautelativo la profilassi antimalarica. L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia ufficialmente la profilassi contro la malaria nelle aree ad altitudine inferiore ai 1800 msm alla nostra latitudine. La scelta in
materia di profilassi resta personale.

Gli standard igienici della maggior parte dei lodge sono di tipo occidentale.

Consigliamo a tutti i viaggiatori di attenersi ai normali precetti igienici, lavarsi spesso le mani e bere solo acqua imbottigliata, evitare il ghiaccio nelle bevande (comprese quelle alcoliche), non lavarsi i denti con l’acqua del rubinetto, ma preferire l’acqua in bottiglia. Inoltre è bene evitare il cibo da buffet o tutto ciò che è stato riscaldato o lasciato esposto alle mosche, evitare i frutti di mare. La frutta e la verdura crude tendono ad essere molto difficili da sterilizzare: non mangiarle a meno che non siano state lavate accuratamente in acqua pulita, o siano facili da tagliare o sbucciare senza contaminare la polpa. Ai tropici, i frutti più facili e sicuri sono le banane e la papaia.

VALUTA E PAGAMENTI

In Tanzania è in corso lo Scellino TanzanianoEuro e Dollari sono entrambi convertibili in Scellini presso le banche e gli uffici di cambio, i Dollari sono accettati in tutti i lodges (molti lodges hanno i prezzi delle camere e degli extra espressi in Dollari) e gli Euro sono spesso accettati, ma a un tasso di cambio un po’ più sfavorevole di quello ufficiale, tuttavia conviene disporre di un po’ di Scellini per le piccole spese.

I Dollari USA emessi prima del 2009 non sono accettati per il pagamento del visto, vengono cambiati con difficoltà e a un tasso di cambio meno vantaggioso di quello applicato alle banconote più recenti; è bene disporre di Dollari recanti data di emissione successiva al 2009.

Le carte di credito più comuni sono Visa, Master Card e Diners Club; sono utilizzabili negli alberghi internazionali e nei lodge, ma il loro uso prevede una commissione (5-10%). Ultimamente hanno fatto la loro comparsa nelle principali città i Bancomat. Consigliamo di portare contanti.

ELETTRICITÀ

La fornitura di corrente elettrica è 220V, 50Hz. Le prese sono del tipo lamellare a 3 ingressi (come in Gran Bretagna). È opportuno dotarsi di un adattatore universale.

TELEFONIA & INTERNET

Il prefisso internazionale in Tanzania è +255 seguito dal prefisso della città e dal numero dell’utente desiderato.

La copertura GSM è abbastanza diffusa, anche se ci sono alcune zone in cui non c’è campo. Potete usare la vostra linea italiana in roaming, ma è piuttosto costoso. Se intendete telefonare spesso in Italia vi consigliamo di acquistare una sim
card di un operatore locale (Vodacom, Zain, Airtel, …).

Il wifi è disponibile praticamente ovunque nelle aree comuni delle sistemazioni, raramente nelle camere.

RISTORANTI & MANCE

In Africa le mance sono un’abitudine invalsa. La mancia resta una gratuità e in quanto tale e discrezionale.

Poiché ci viene spesso chiesto di quantificare le mance, vi forniamo alcune indicazioni di massima:

  • 1000/2000 scellini per il facchinaggio in hotels, lodges e camps;
  • 30/40 dollari (in totale) per il ranger o la guida locale che gestisce l’attività di mezza giornata;
  • almeno 10 dollari per ogni ospite al giorno per la guida/autista che vi accompagna se a bordo del fuoristrada si è in 2 partecipanti; 7 dollari se a bordo del fuoristrada si è in 4 o in 6.